Ecografia del piede e della caviglia: a cosa serve?

L’ecografia della caviglia e del piede è un esame di supporto diagnostico alla visita ortopedica, che permette di eseguire in modo preciso e accurato le terapie infiltrative e di medicina rigenerativa in caso di lesioni della caviglia. 

Ne parliamo con il dottor Antonio Saracino e il dottor Vincenzo Tronci, Superspecialisti di Piede e caviglia di Joint Care Team.

A cosa serve l’ecografia del piede e della caviglia?

L’ecografia del piede e della caviglia è utile per vedere le sospette lesioni dei tessuti molli, come eventuali lesioni muscolari, tendinee e soprattutto dei legamenti. Particolarmente utile nei traumi distorsivi da sport o nei traumi accidentali che possono capitare nella vita di tutti i giorni, l’ecografia di piede e caviglia può essere d’aiuto per l’ortopedico durante la visita per confermare il sospetto clinico e avvalorare la diagnosi.

Come si effettua l’ecografia della caviglia?

Come una normale ecografia, anche l’ecografia di caviglia e piede prevede l’uso degli ultrasuoni veicolati nei tessuti attraverso una sonda. Il paziente si sdraia sul lettino in ambulatorio, e segue le indicazioni dell’ortopedico sulla posizione da mantenere durante l’ecografia. 

Muovendo la sonda, l’ortopedico può studiare l’articolazione, ottenere la diagnosi e individuare la sede in cui eseguire eventuali infiltrazioni o terapie rigenerative con PRP, cellule monocitiche , cellule staminali mesenchimali da grasso autologo microfratturato, cioè prelevato dall’addome o fianchi del paziente a cui viene poi infiltrato per stimolare i processi di guarigione e rigenerazione, grazie al potere delle cellule staminali presenti.

Area Superspecialistica di Piede e Caviglia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin